Il maso Obersteinerhof

La storia dell'Obersteinerhof

Il castello di Taufers fu costruito nell'XI secolo. Si presume che siano stati "i nobili di Taufers" a far costruire i primi masi a Lutago. L'Obersteinerhof è menzionato per la prima volta in un documento del 1225 come „Steiner auf Pojen“, ma è certamente più antico. Gli edifici residenziali e le stalle sono stati costruiti con materiali locali. Le pietre provenivano da una cava che si trovava nella proprietà. La calce per la malta proveniva dal pozzo di calce ed è stata bruciata nel forno da calce del vicino, mentre il legname da costruzione lavorato a mano è stato preso dalla foresta del maso. Da questa fattoria si sono sviluppate i masi Ober- e Niedersteiner. Intorno al XIII o XIV secolo si insediarono gli abitanti dell’Herrenberg („montagna dei signori“). Porta questo nome perché i masi dovevano pagare le tasse ai "signori" della chiesa.

La storia dei miei antenati

Molte famiglie hanno vissuto prima di noi sull'Obersteinerhof. Dal 1886 è di proprietà della famiglia Strauss. All'epoca, il mio bisnonno Josef lo acquistò con una cappella dedicata a Maria, 10 ettari di prato, 8 ettari di pascolo e 40 ettari di bosco. Nel 1935 mio nonno Josef prese in mano la fattoria. Coltivava segale, grano, avena, orzo, canapa e patate, allevava bestiame e impiegava cinque operai. Nel 1938 costruì uno dei primi impianti elettrici in una fattoria: un piccolo impianto a corrente continua in grado di far funzionare alcune lampadine. Nel 1940 fece trasferire il mulino da Steinerbach alla fattoria. Dieci anni dopo, la casa residenziale è stata ristrutturata, il balcone a tutto tondo è stato abbattuto e le pareti esterne sono state coperte con un muro di ridosso. Nel 1955 fu aggiunta una funivia materiale.

Mio padre Josef ha preso il controllo della fattoria nel 1960 e l'ha trasformata in una produzione di prodotti lattiero-caseari. Acquistò la prima falciatrice e meccanizzò gradualmente l'azienda. Nel 1969 fece costruire una semplice orbita per il trasporto privato di merci e persone a valle. La fattoria è stata parzialmente ristrutturata e trasformata in un punto di ristoro. Una nuova centrale elettrica da 18 kWh. La potenza nominale è stata costruita. Dal 1970 la strada di accesso collega la fattoria con la valle, nello stesso anno mio padre comprò il primo trattore. Sono stati tracciati sentieri nei campi e nei boschi e i prati e i pascoli sono stati adattati alla nuova tecnica di lavoro. Nel 1998 la fornitura di acqua potabile della fattoria è stata completamente rinnovata.

La mia storia

Mi chiamo Franz Strauss. Sono nato e cresciuto all'Obersteinerhof. Dopo aver frequentato la scuola di scultura del legno a San Giovanni in Valle Aurina ho vissuto come artista a Vienna e a Parigi e sono andato in Camerun per tre anni per ordine del Ministero degli Esteri italiano, dove ho insegnato scultura del legno. Negli anni '90 sono tornato al maso. Da allora non l'ho più lasciato per più di qualche settimana. Nel 2000 ho rilevato la fattoria da mio padre. Ho continuato l'allevamento di bestiame da latte per altri due anni prima di passare all'allevamento di bovini Simmental.

Nel 2002 ho deciso di chiudere il punto di ristoro e di offrire agriturismo. Per questo motivo ho convertito una parte della fattoria in due appartamenti e ho costruito due capanne indipendenti. Due anni dopo sono stati accolti i primi ospiti. Nel 2006 sono passato dall'allevamento di mucche da latte a quello di vacche nutrici con i "Pustertaler Sprinzen“. L’anno successivo ho ristrutturato l'impianto elettrico e l'ho ampliato a 25 kWh di potenza nominale. Dal 2008 gestisco l'Obersteinerhof biologicamente senza produzione di insilati. Nello stesso anno la casa principale ha ricevuto una nuova intonacatura esterna, due anni dopo è stata costruita la cantina tra la casa di abitazione e quella di alimentazione. Nel 2016 ho costruito una nuova casa di alimentazione, compreso una stalla a stazione libera con il fronte in vetro. Da allora anche gli animali guardano a valle.

Oggi, insieme alla mia compagna Barbara, conduco l’agriturismo con molto amore e gioia. È una bella aggiunta al lavoro agricolo intorno agli nostri 20 „Sprinzen“. Da noi possono parte le loro corna. Da maggio a ottobre le mucche pascolano sui prati intorno alla fattoria. D'inverno vivono nel fienile accanto a cinque galline e a un pollo cinese di seta, a un maiale di nome Bärbel e ai gatti Suave e Signorina Flora. Davanti al cancello abbiamo creato un orto, un letto permacultura e un campo dove piantiamo ortaggi, erbe aromatiche e fiori. Se disponibili, siamo lieti di condividere i doni della natura con i nostri ospiti. Io stesso faccio tutto i lavori e le conversioni nella fattoria. Lavoro ancora come artigiano nel mio laboratorio e tra le altre cose costruisco mobili.

Gli „Sprinzen“ della Val Pusteria

Afada, Gabi e Opra - questi sono i nomi di tre dei circa 20 „Sprinzen“ che vivono all'Obersteinerhof. La razza ha avuto origine in Val Pusteria e nelle sue valli laterali come la Valle Aurina. Il loro allevamento iniziò alla fine del XIX secolo, negli anni '20 del secolo scorso furono messi al bando. Le due guerre mondiali hanno colpito duramente gli Sprinzen. Sono sopravvissuti grazie ad animali di coperta approvati per uso privato. All'inizio degli anni '50 erano rimasti solo 300 Sprinzen registrati. Gradualmente i club di allevamento sono stati fondati di nuovo, la razza si è ripresa. Dal 1985 gli Sprinzen sono stati inseriti nella lista delle "razze a riserva di genere" - un'iniziativa dell'UE per la conservazione delle vecchie razze domestiche.  

La parola "Sprinze" deriva dalla distribuzione del colore sul corpo degli animali. Il colore dei capelli è bianco e nero o rosso e bianco, le macchie di colore sono sparse su ampie aree o macchiate. La loro massa corporea è impressionante. Il peso alla nascita è di circa 50 chilogrammi. Le vacche adulte hanno un'altezza al garrese di 125-140 centimetri e pesano fino a 800 chilogrammi. I tori adulti pesano una tonnellata. I „Pustertaler" hanno una costituzione molto sana. Grazie alla loro capacità di pascolo e alle buone qualità materne, la razza è particolarmente adatta all'allevamento di mucche nutrici.

I contadini di montagna dell'Alto Adige

Coltivando il terreno scosceso, il suolo e le foreste, i contadini di montagna mantengono il nostro paesaggio. Ovunque l'agricoltura di montagna si stia estinguendo nelle Alpi, le colate di fango e la selvatichezza della popolazione arborea, le malattie e i parassiti tra le piante e gli animali selvatici e l'estinzione delle razze di bestiame tradizionali sono in aumento. Gli agricoltori di montagna forniscono ai consumatori prodotti buoni, sostenibili e adatti alla specie. L'Alto Adige è la regione con la più alta percentuale di contadini di montagna dell'intero arco alpino. Ulteriori informazioni trovate nel libro: "Südtirol. Land der Bergbauern" (Fischer/Rampold), la cui foto di copertina mostra la nostra fattoria.

Obersteinerhof – Franz Strauss

Via Herrenberg 15 | I-39030 Lutago

Valle Aurina | Alto Adige | Italia

RICHIESTE E INFORMAZIONI:

E-Mail: info@schauinstal.com

Telefono: +39 348 85 03 873

Partita IVA 01526270218 | Impronta | Privacy